La coltivazione della fava

  • 9 novembre 2018

 

La fava è una pianta originaria dell’Africa settentrionale appartenente alla famiglia delle Fabaceae, termine botanico per definire le leguminose. Predilige terreni a bassi ph e ambienti in cui gli inverni sono caratterizzati da temperature miti e escursioni termiche contenute.
La fava è conosciuta fin dall’antichità poiché grazie alle proprietà nutritive, costituiva uno degli alimenti principali della dieta degli schiavi insieme a farro e fichi.

COME E QUANDO SEMINARE LA FAVA

In Italia il periodo di semina della fava varia a seconda della zona: al Nord si semina intorno a Febbraio, Marzo mentre al Sud grazie alle temperature più gradevoli è possibile seminare tra Ottobre e Novembre.
Una volta vangato e concimato il terreno, si procede alla semina, mettendo 3 o 4 semi per ogni buca a una distanza di almeno 30 cm l’una dall’altra e annaffiate; quando la temperatura atmosferica sarà ottimale (circa 20°) nel giro di tre settimana la pianta germoglierà e darà i suoi frutti.

CURARE LE PIANTE DI FAVA

Le precauzioni da prendere per evitare infestazioni, consistono nell’eliminare le erbacce intorno al germoglio soprattutto nella fase iniziale della fioritura in cui le infestanti possono influire negativamente sulla crescita della pianta.
Successivamente quando la pianta sarà di circa 15- 20 cm si consiglia di rafforzare la base con della terra per migliorare la stabilità. Nel caso in cui la coltivazione avvenga in luoghi ventosi, si consiglia l’apposizione di sostegni per dare più solidità all’intera coltivazione.
Quando la fava si appresta a fiorire e produrre baccelli si deve operare la cimatura che consiste nell’eliminazione degli ultimi 10 cm di vegetazione dall’apice del fusto. Questa pratica è importante poiché influisce riducendo la crescita di vegetazione, e permette la crescita di nuovi baccelli portando ad un aumento della produzione generale per ogni pianta.

QUANDO RACCOGLIERE LA FAVA

I baccelli devono essere raccolti ancora immaturi, prima che la granella all’interno si indurisca. La raccolta si prevede nei mesi di Marzo o Maggio a seconda del periodo di semina. Il procedimento di raccolta deve partire dai baccelli alla base, per poi proseguire verso la sommità della pianta. Infine una volta terminata la raccolta, la pianta va tagliata e interrata nel suolo così da contribuire a migliorare la qualità del terreno.

 

Fonte:

https://www.valfrutta.it/magazine/coltivare-le-fave-nellorto-come-fare/